23 maggio 2006

Incontri

E' strano. A volte le persone arrivano nel momento in cui hai bisogno di loro. Forse.
Forse è ancora più strano quanti "CI" siamo pronti a ripetere, sempre più volte. E' strano che, nonostante mille righe di parole scritte ci sia dell'imbarazzo a mostrarsi a voce. Che ancora la voce sia spezzata nonostante ci sia tanta, e tanta bizzarra, affinità. Qualcosa che nemmeno noi, che proviamo certe emozioni, possiamo capire.
Chi lo sa. Chi sa come potrebbero essere certe cose, se affrontate in maniera diversa, se il Caso proprio quel giorno non mettesse lo zampino per unire i fili di una tela invisibile, dove un ragno sta tessendo le trame della nostra vita.
Un ragno, lì. A unirci per caso, nel nostro percorso.
Anche con la voce rotta, te lo dico. Ti adoro.

10 commenti:

Fly ha detto...

Wow *_* Ti dev'essere successo qualcosa di bello *_*

Carla ha detto...

Si percepisce? :-)

Zion ha detto...

evviva la Primavera!!!
:)

Anonimo ha detto...

ehehe..."ci" risiamo.
Io e te e lui e lei. O io e lei e lui e te. Io e lui e tu e lei lo escluderei, invece.
Però chissà. Magari mi sarebbe pure simpatico.


Snoopy che abbonda coi pronomi personali.

Carla ha detto...

Snoopy, siamo incredibilmente allineati. Ci vediamo il secondo weekend di giugno? ;-)

roccio ha detto...

la voce rivela. sembra quasi che scrivendo nascosti dal nostro computer si possa essere quello che vogliamo. sopratutto per gli altri. ma la voce rivela. anzi, svela. improvvisamente non siamo piu' bytes impazziti in giro per la grande rete mondiale. siamo persone, uomini donne o quant' altro.

Anonimo ha detto...

grazie grazie....
ah non era per me?!?

Anonimo Senegalese

drest ha detto...

Questo mi ha reso triste. Dannati ricordi :-|

Carla ha detto...

Drest, mi spiace. Forse un po' nostalgico, ma non credo triste. Sei davvero triste?

drest ha detto...

E' passata, tranquilla. Ora mi tuffo tra Re Artù, Merlino e Derfel Cadarn.

Comunque non sono un nostalgico. :)