20 ottobre 2007

NO, NO e poi NO!

Stephen mi scrive una mail dicendomi di controllare sul sito di Beppe Grillo: c'è qualcosa che riguarda i blog e potrebbe interessarmi. Ecco la cazzata, un disegno di legge fantastico per farci chiudere i blog e tarpare i nostri pensieri.

Secondo questo disegno di legge (e copio paro paro dal post di Beppe):
chiunque abbia un blog o un sito debba registrarlo al ROC, un registro dell’Autorità delle Comunicazioni, produrre dei certificati, pagare un bollo, anche se fa informazione senza fini di lucro.
I blog nascono ogni secondo, chiunque può aprirne uno senza problemi e scrivere i suoi pensieri, pubblicare foto e video.
L’iter proposto da Levi limita, di fatto, l’accesso alla Rete.
Quale ragazzo si sottoporrebbe a questo iter per creare un blog?
La legge Levi-Prodi obbliga chiunque abbia un sito o un blog a dotarsi di una società editrice e ad avere un giornalista iscritto all’albo come direttore responsabile.
Il 99% chiuderebbe.
Il fortunato 1% della Rete rimasto in vita, per la legge Levi-Prodi, risponderebbe in caso di reato di omesso controllo su contenuti diffamatori ai sensi degli articoli 57 e 57 bis del codice penale. In pratica galera quasi sicura.
Il disegno di legge Levi-Prodi deve essere approvato dal Parlamento. Levi interrogato su che fine farà il blog di Beppe Grillo risponde da perfetto paraculo prodiano: “Non spetta al governo stabilirlo. Sarà l’Autorità per le Comunicazioni a indicare, con un suo regolamento, quali soggetti e quali imprese siano tenute alla registrazione. E il regolamento arriverà solo dopo che la legge sarà discussa e approvata dalle Camere”.
Prodi e Levi si riparano dietro a Parlamento e Autorità per le Comunicazioni, ma sono loro, e i ministri presenti al Consiglio dei ministri, i responsabili.
Se passa la legge sarà la fine della Rete in Italia.
Il mio blog non chiuderà, se sarò costretto mi trasferirò armi, bagagli e server in uno Stato democratico.


E aggiunge:
Ps: Chi volesse esprimere la sua opinione a Ricardo Franco Levi può inviargli una mail a : levi_r@camera.it


Scommetto si sia già trovato la posta intasata, e comunque sia sono quasi certa che abbia già cestinato tutta la montagna di email pervenutegli.

Grazie, grazie e ancora grazie perché ho davvero capito in che razza di posto abito. Grillo se scappi portaci con te.

2 commenti:

Rob ha detto...

un saluto alla instancabile Carla che riesce ancora a pensare e a scrivere. Iosono rimasto senza parole!

Carla ha detto...

Un saluto a te, Rob: tra poco nemmeno volendo riusciremo più a scrivere. Questa è una cosa terribile: e nessuno ne parla!