21 maggio 2006

Ho conosciuto Zion

E' bizzarro come le idee che ti fai su una persona che non hai mai visto possano rivelarsi totalmente false. Nel bene e nel male.
Conoscere una persona dal vivo, è sempre, sempre una sorpresa.

Sono arrivata all'Euroverdebio di Carugate alle 12.20 circa. Con un ritardo di una buona ora sulla mia tabella di marcia. Il mondo era in ritardo, e io con lui. Treno in ritardo, metropolitana presa dopo, il pullman per Carugate, che passa ogni mezz'ora, perso al pelo.
Quando arrivo noto che il banchetto è stato messo all'interno della serra, ma ci siamo solo io, Agarulez e Andrea. Nessuna ombra di donnina che si guarda intorno per cercare di capire chi è Carla. Forse sono arrivata troppo tardi, sarà andata via.
Abbracci e baci, sembra che non ci si veda da un'infinità di tempo, ma alla fine vedo più frequentemente gli amici carnivori che gli amici torinesi. Le piante in esposizione sono stupende. Per forza: sono di Andrea. Coltiva da almeno 20 anni: la sua esperienza fa il 60% del lavoro e il suo gusto estetico fa il resto. Le sue piante sono perfette, in ordine. Nessuna foglia secca. Nessuna trappola marcia. Sono dei dipinti in 3D. Accovacciati sotto il bancone, dove ci sono numerose Dionee e altrettanti Cephalotus, mi fa notare come tutte le piante siano diverse. Guarda lì Carla, che bel clone sfumato di rosso. E quella, tutta verde? Non è bellissima? Guarda questa che ha le ciglia rosse. Un vero appassionato.

Dopo circa due orette appare donnina con ometto, intenti a guardare piante. Li osservo, la osservo. Intuito femminile. E' lei.

Mi fiondo su di loro e dico "Se avete delle domande.."
"Carla?"
"Zioooon"
"Ma sei davvero magra!"

Dopo il tour di base nel mondo delle piante, col suo ragazzo sempre più schifato alle parole "succhi digestivi" oppure "ad alcune Nepenthes in natura capita di catturare anche piccole rane e topi" ci fiondiamo a prendere qualcosa al bar. Zion è diversa da come me la aspettavo, ma in meglio.
Quando pensi a una donnina che va in snowboard o che sa andare in moto, o che si comportava da maschiaccio quando era piccola o che ha un lavoro da informatica, immagini una specie ometto in gonnella. Una persona un po' aggressiva che da' la vera immagine della tosta. Nulla di ciò che mi si è presentato davanti. Una vera tosta senza immagine della tosta.
Zion ha gli occhi sognanti ed enormi, una voce dolcissima e un animo (questa è un'impressione ma dubito sia falsa) molto romantico.

Credo che mia sorella e te siate state scambiate nella culla.
Se sei nata in un'ospedale di Torino è un'opzione valida. E se ti ho dato l'aria della svampita scordatutto, non preoccuparti. Non è solo aria.
Sono davvero svampita scordatutto.

Canzone del giorno: Pink Aerosmith

9 commenti:

Fly ha detto...

Wow! Che bellissimo incontro! *_*

zellon3 ha detto...

già! e la canzone del giorno ripensando al video è davvero azzeccata ;P

Piggio ha detto...

gh carla ti sei innamorata?

Carla ha detto...

Zion è una persona stupenda, molto dolce e molto determinata. Lossò, sembrano due cose che non c'entrano una fava insieme. Proprio per quello trovo che sia una persona con una luce particolare.
Zellon3: avevo pensato alla canzone e non mi era venuto in mente il video, ma effettivamente hai ragione. ;-)

Fly, ce n'è anche per te! Il 2-3-4 giugno sono a Firenze-Sesto Fiorentino, se ti va di fare un salto. Se sei in toscana ovvio.

Anonimo ha detto...

E prima o poi bisognava che venissi a dare un occhiata alla Carla, dopo le decantazioni di là da Zion. Ganzissimo fare il confronto tra le due versioni dell' incontro, tutto sommato simili... Ho letto anche qualcos' altro, e inizio a credere che Zion abbia davvero ragione...

Una carezza, ed un sussurro
("I Sussurri di un Bastardo" è il mio blog su splinder ^_^)

Carla ha detto...

Eheheh, piacere mio.. :-)

Zion ha detto...

Io ho SEMPRE ragioneeee

:D

Zion

Carla ha detto...

sul fatto che siamo sorelle? gh..

Drest ha detto...

insomma, parrebbe un incontro divertente, per tutte e due...un pò meno per il ragazzo di zion, forse :P