05 luglio 2006

Un altro quarto di secolo

Ieri sera siamo stati tutti a cena da RagnoB, era il suo compleanno e festeggiavamo anche un segreto. Per cui di pomeriggio passeggio in centro e mi godo ancora un po' di TorinoBarocca, poi vado dal meccanico a ritirare la macchina. Il meccanico, meno male, per farmi risparmiare e per risparmiarsi un lavoraccio, invece di sostituire i nottolini e cambiare le chiavi, lavoro lungo più che altro perché bisognava contattare la Fiat etcetc, decide di sistemarmi il nottolino che già c'era. Il risultato è un prezzo più basso e la macchina pronta in un giorno. Dice di avermi fatto un "regalino". Grazie meccanico, per ringraziarti ti faccio pubblicità onweb. La sua officina si trova in via Bollengo 15 a Torino, nel caso dovesse servirvi..
Presa la macchina vado da RagnoB, parcheggio, abbracci abbracci. È elettrizzata, si vede che è felice e si è fatta un bel regalo. Il Segreto, appunto. D'accordo, le dico, stasera alziamo i calici per una cosa che solo noi sappiamo.
Mi dice che all'inizio dovevo cenare solo io lì, ma poi ha invitato anche tutte le altre. Quindi la soluzione finale è questa: cinque donne e un solo uomo, il fratello di RagnoB, che chiameremo RagnoC, a questo punto.
Quando più di due donne si riuniscono il risultato è quello di discorsi assolutamente privi di pudore. Abbiamo con noi Fischietto, una specie di fischietto umano, tira su dei decibel da paura con i suoni che fa. Frangetta, che da quello che ho capito ha cambiato da poco pettinatura. C'è Variante, che "come lei nessuno mai". Rosa, vestita tutta in tinta rosa, scarpe, canottierina, bracciale e persino girocollo. RagnoB ed io.
La serata comincia con toni tiepidi, ci si racconta, si parla, io non conosco praticamente nessuno quindi mi si chiedono le solite cose, lavoro, studi, vita. E io ascolto le stesse cose, lavoro studi vita. Persino RagnoC chiacchiera con noi raccontando di lavoro studio vita. Si riferisce a me e a lui come "noi del campo informatico", mi chiede se so programmare e dice che un'azienda sta cercando. Ma purtroppo non so programmare, anche se Roccio mi sta aiutando in java. Piano piano gli argomenti si spostano, mentre la partita Italia-Germania fa da sottofondo ai nostri discorsi. Scendono giù i primi bicchieri di birra e, non ricordo assolutamente come, ci ritroviamo a parlare di "posizioni". Io non conosco molte posizioni, lo ammetto. Il mio PuntoG è abbastanza pigro. Gliene piacciono due o tre e il resto è roba da contorsionisti che io, SchienaRotta, non posso permettermi. E se la schiena fa male il PuntoG ovviamente sta per i fatti suoi. Ma la cosa più sorprendente è che non conosco assolutamente i nomi delle posizioni. Quando Frangetta comincia a spiegarci questa o quell'altra posizione, disegnando su tovaglioli di carta che ho accuratamente portato a casa con me, io esclamo con stupore "sììì, fatta!!", oppure "questa la conosco!". Ma se mi parla delle posizioni come fossero dei pullman (la 49, la 65) cado in crisi mistica. Variante è davvero mitica perché ha una variante per ogni posizione. Invece della 90 lei ha la 45, piegata a 45 gradi. Mi consiglia scarpe non scivolose perché ci si potrebbe fare male. Insomma, un mondo da imparare. RagnoC guardava, rideva, ma secondo me avrebbe voluto sprofondare.
Una volta un amico mi disse che partecipare a questi incontri tra donne è devastante. Secondo le sue parole "il pisello rientra dentro".
Il clou è stato parlare delle dimensioni. Frangetta sbotta dicendo "non è vero che le dimensioni non contano". Variante esclama "Certo: se è troppo grosso fa male".
Siamo rimasti un po' a disquisire sulle dimensioni, cercando di capire cosa significasse troppo grande, e usando penne, candelina e quant'altro a nostra disposizione per raggiungere la dimensione perfetta. Concordiamo tutte che una penna "trattopen" più 2 cm circa è la dimensionie ideale.
Faccio notare che io, e io sola, stavo bevendo birra.
Intanto l'Italia segna il primo gol, si urla. Fischietto fischia. Variante varia. Frangetta frangia. Rosa rosae. E io? Al telefono. Ad abbracciare una persona che non è lì con me, ma c'è. Sempre.
E secondo gol. Urla, baci abbracci, fischi.
Taglio della torta, foto e baci e abbracci.
E alla fine il congedo. Scopro che fuori piove, che sono un po' brilla ma in forma per tornare a casa, pian pianino. Suonando il clacson a tutti quelli che suonano. Aspettando un altro fine settimana che mi porterà lontano da qui, ma vicino. Sempre.

Canzone del giorno: Think Aretha Franklin

8 commenti:

drest ha detto...

devastante.
RagnoC ha il mio supporto morale.

Zion ha detto...

credo che una volta all'anno possa essere fatta una riunione delgenere...di più credo che non sarebbe umanamente sopportabile dal fisico medio.
-_-'

Zion ha detto...

e cmq
toglimi una curiosità.
Un trattope + 2 cm.
In larghezza o in lunghezza?

Così, tanto per capire :D

Carla ha detto...

drest, anche il mio

zion!!! in lunghezza! ahaha

ragnoB ha detto...

mentre leggo me la rido da sola!!ricoedo di ieri sera e...alla mia!!!e il nostro segreto rimane segreto e fischietto mi dice che mi vuole troppo bene e variante non vuole campeggiare e allora niente campeggio ma io si io torno lo stesso in sicilia e mare, mare e ancora mare!!rosa, rosae, rosae, rosam...anche per lei niente sicilia...uff!! poi oggi rivedo un'altra rosy(la fid di steo...anche lui coltiva carnivore) e mi e sembrata ancora più sclerata...
e tu...rimani sempre la migliore!!
ti voglio troppo bene!!
sei stata l'animatrice della serata e se questo quarto di secolo è stato per me speciale lo devo anche a te!!!

Carla ha detto...

Anch'io ti voglio bene RagnoB! Vai in Sicilia te che puoi! Devo raccontarti mille novità, quando ci vediamo?

RagnoA

Samuele ha detto...

Mi piace un sacco il tuo modo di raccontare la storia... leggo di cose che non mi interessano e nemmeno mi riguardano molto volentieri. E' significativo...

Carla ha detto...

Grazie Samuele. Ripreso dal concerto?