12 settembre 2006

Nuovo giorno, nuovo colloquio

Non devo aver fatto ottimi sogni stanotte perché mi sento un po' strana. In ogni caso mi tocca un altro colloquio. Dopo averlo mancato la scorsa settimana ecco che ci riprovo. E' vitale per me avere questo lavoro.
Ieri sera ho dato un'occhiata alle case a Firenze, agli affitti di appartamenti e stanze singole. Ma anche letti.
Sono già proiettata un sacco avanti e potrebbero mettermi anche a spalare merda che lo farei comunque perché ho solo bisogno di soldi e davvero non mi interessa sapere cosa sto facendo. Quello è un dettaglio che curerò quando metterò radici.
Già il fatto che io desideri mettere radici lo considererei un miracolo puro.
Io che non disfo mai le valige ovunque vada, così ho tutto a portata di mano e sono pronta per ripartire. Io che anche a casa non riordino mai perché così ho tutto a portata di mano, nel caso debba scappare. Io che almeno una volta al mese evado per due giorni perché la routine mi uccide e le abitudini mi fanno sentire stanca e inutile.
Insomma, proprio io. E sono sempre io a volere un terreno stabile. Una casa dove non lasciare tutto tutto a portata di mano, perché non c'è bisogno di scappare. Delle valige vuote, che tutti i vestiti saranno sistemati in armadi e cassetti. E magari concedermi anche qualche pomeriggio in "divisa da casa". Anche questo è bizzarro. Da quando sono piccola non ho mai avuto l'abitudine di mettermi le ciabatte una volta arrivata a casa. O di cambiarmi per stare più comoda. Se desidero uscire io sono sempre pronta.
E anche se adesso ho riprodotto il mio peso in cacca, seduta sul mio pensatoio, devo assolutamente prepararmi. Come ho detto, questo colloquio è "vitale". Oggi dovrò chiedere anche informazioni per il congelamento della carriera universitaria. Essendo ancora in dubbio su cosa fare della mia vita, quindi in dubbio se mollare i miei soli 11 esami dati a biologia passando a informatica, ho deciso di aspettare ancora. Stavolta però senza pagare le tasse universitarie. In parte perché non potrò permettermelo, in parte perché è inutile. Anche se decidessi oggi di passare ad informatica ho scoperto che mi sarebbe toccato fare il test di ammissione, e sono lievemente in ritardo. La cosa migliore è pensarci ancora un po'.
Magari tra un anno le cose saranno ben diverse, io non sarò a Torino e chissà.

Canzone del giorno: Take On Me A Ha

4 commenti:

Zion ha detto...

Take on me è una grande canzone.

E tu sei una splendida persona!!!!

:)

Zion

Carla ha detto...

Shhht che se no ci credo!

Un bacione capo :)

Cinfa ha detto...

test d'ammissione?!?! in quale stato?

Carla ha detto...

Qui a Torino è così per tutte le facoltà scientifiche, da qualche anno. E poi si lamentano che gli iscritti alle facoltà scientifiche sono in calo, cercano sempre di sbarrarci la strada!
A Firenze com'è la situazione?